CAMPIONATO REGIONALE ESORDIENTI B – Risultati, Classifiche e Report delle Gare

Sono stati due giorni intensi di fuoco e fiamme per oltre 300 atleti da tutta l’isola, radunatisi presso la Piscina di Terramaini a Cagliari per il Campionato Regionale Esordienti B 2019. Per il secondo anno consecutivo niente piscina all’aperto a causa dei lavori all’impianto di Alghero, e ancora una volta accesso al pubblico limitato e vincolato all’esibizione dei famigerati PASS, a causa della ridotta capienza dell’impianto: cosa che ha scatenato qualche disagio nella giornata di domenica. Temperature bollenti nella parte dell’anno che probabilmente ricorderemo come la più calda di tutta l’estate.

Le Società Partecipanti

La classifica di Società

Al termine delle quattro parti i vincitori sono stati gli Atleti della società ANTARES, al primo titolo di società nella competizione. Dopo il successo nel Trofeo4Mori, i piccoli nuotatori delle piscine di Serrenti, Sinnai, Carbonia e Iglesias gestite dalla società Antares sono stati la squadra più numerosa, e hanno mostrato grande affiatamento e compattezza tra loro, riuscendo a piazzare tantissimi bambini non sempre ai vertici delle classifiche ma comunque in posizioni utili per portare punti. Dimostrazione di un grande lavoro fatto dalla società che ha puntato non solo alla quantità, ma anche alla qualità per quel che concerne l’affiatamento, il piacere di fare sport e lo spirito di gruppo. Senza trascurare qualche soddisfazione individuale. Memorabile è stato anche il cammino dell’ACQUASPORT che ha conquistato un secondo posto quasi fasullo, perchè arrivare ad appena 11 punti dalla prima significa che il livello delle due squadre è sovrapponibile. Gli atleti delle piscine di Cagliari e Assemini hanno portato a casa ottime gare individuali, tantissime medaglie e si sono dimostrati micidiali con le staffette portando a casa 2 ori e 2 bronzi. La SPORTER SASSARI centra il terzo posto confermandosi la migliore squadra del Nord Sardegna, riuscendo a portare tanti atleti e conquistando tanti punti importanti. Ma meritano un appunto particolare anche le società ESPERIA e WATERLAND: la prima è la squadra eterna, anche nelle annate che sembrano non funzionare al meglio riesce a sorprendere tutti e risvegliare talenti e gruppi affiatatissimi; la seconda è la squadra più letale della storia, con solo 9 atleti riesce a portare via quantità di medaglie invidiabili e piazzarsi quinta società dell’isola. Chapeau!

underwaterswim.net ©

Report delle Gare

Sabato mattina le temperature non hanno tardato a sollevarsi anche da un punto di vista puramente agonistico perchè la prima gara del Campionato è stata una delle più intense e con meno iscritti: i 400 STILE LIBERO, che decretano il dominio Atlantide. Tra le femminucce la più veloce è stata infatti Monica Busonera, riuscita a chiudere le 16 vasche in 6’15.1, abbondantemente distaccata la seconda, Ilaria Cuozzo (Acquasport) che nella stessa batteria tocca i 6’34.4. Terza classificata Carlotta Piano che termina la gara in 6’34.6, appena 2 decimi in più della compagna Ilaria. Tra i maschietti il più veloce è stato Mattia Squarzoni (sempre Atlantide) che chiude la gara in 5’48.6; sotto il muro dei sei minuti anche Salvatore Ortu della Waterland (secondo) e Andres Atzeni della SportEr (terzo).

Nel 50 FARFALLA è Federica Murtas a conquistare il titolo di Campionessa per il settore femminile con il personal best di 37.6. Sul podio, a far compagnia all’atleta della Waterland, sono salite Rosa Olivia Merone (Accademia Sportiva Olbia, seconda in 38.5) e una sorprendente Sara Lai della Sporting Nuoto Libertas che nonostante l’esile statura e l’anno in meno delle avversarie è riuscita a conquistare il bronzo (spoiler: non è l’unica medaglia che ha portato a casa). Dopo un testa a testa all’ultimo respiro tra Mirko Rivano (Acquamania) e Andrea Iannuzzelli (Acquasport) arriva il primo ex aequo sul podio del 50 Farfalla Maschile: doppio oro per entrambi con il tempo di 36.1. Terzo posto per Gioele Vargiu della inarrestabile Waterland col tempo di 37.3.

A chiudere la mattinata del sabato sono stati i 200 RANA: tra le femmine una immensa Giulia Padovano (Esperia) riesce a dare oltre 10 secondi di distacco a tutte le avversarie in Serie 1 e concludere la gara in 3’27.9. Secondo gradino del podio per Gaia Ortu dell’Acquasport in 3’38.2 e terzo gradino occupato dalla piccola nuotatrice di Carbonia Morgana Toselli che in Serie 4 chiude in 3’43.8. Sempre tra le fila dell’Esperia trova casa il Titolo dei 200 Rana settore maschile: Lorenzo Carlo Castellano vince in 3’07.1 nuotando con una tecnica davvero difficile da vedere in questa categoria. Doppietta sul podio per l’Acquasport con Luca Pisano secondo e Matteo Cossa terzo.

La seconda parte si è caratterizzata per aver fatto rimpiangere a tutti la mancanza di una vasca all’aperto adeguata per ospitare una manifestazione in vasca da 25 metri: caldo quasi illegale, rischio annullamento gare a causa dell’umidità alle stelle e dell’evaporazione delle clorammine. La cosa fortunatamente non è riuscita a scoraggiare i giudici di gara e i tecnici impegnati in bordo vasca. Si parte con la gara veloce per eccellenza: i 50 STILE. Tra le femmine la più veloce di tutte è stata Maria Domenica Cossu della società Luna, appena un decimo in meno della seconda Federica Murtas: rispettivamente 33.7 e 33.8 i loro tempi. Ottima prova anche per Giulia Pitzalis dell’Esperia che di un nulla acciuffa il terzo posto in 35.1. Tra i maschi è ancora una volta Mirko Rivano a comandare le gare veloci: 32.5 il suo tempo, unico a scendere sotto i 33 secondi. Podio anche per Samuele Pischedda della SportEr secondo e Andrea Masu dell’Accademia Sportiva Olbia terzo.

Nei 200 DORSO l’atleta più veloce della manifestazione è una ragazza: Francesca Bandino della Promogest, è stata infatti l’unica a riuscire a chiudere la gara sotto i 3 minuti siglando il tempo di 2’56.5 e vincendo meritatamente il Titolo di Campionessa Regionale. Grande prova anche per Eleonora Sechi della Green Alghero che piazza un meritato argento in 3’03.2 e si dimostra una delle atlete con più talento della sua età. Terzo posto per Giorgia Ribichesu dell’Accademia Sportiva Olbia. Tra i maschi vince Mattia Squarzoni, che ottiene il suo secondo oro della manifestazione non riuscendo però a scendere sotto i 3 minuti come la Bandino: 3’00.6 il suo tempo. Ottimi anche i 200 dorso di Francesco Marongiu (Acquasport) che arriva secondo in 3’02.0 e Alberto Tedesco (Nuoto Ozieri) che si prende il bronzo in 3’10.0.

I 100 MISTI vedono di nuovo Giulia Padovano tra le protagoniste che mette in scena una sfida mozzafiato con Martina Frau dell’Antares in prima batteria: la giovane esperina chiude in 1’30.4 mentre Martina fa 1’30.8. Non bastano questi tempi per l’oro, ottenuto da Eva Desogus della Società Luna nelle batterie precedenti col tempo di 1’29 netti.
Per il settore maschile grande margine di vantaggio per un inarrivabile Alessandro Cardia della Promogest che vince in 1’19.7 davanti a Matteo Cossa (1’23.8) e Andrea Iannuzzelli (1’25.0) dell’Acquasport.

Nella prima carrellata di staffette con la 4×50 MISTA l’Acquasport riesce a piazzare due primi posti rispettivamente nel settore femminile e in quello maschile. La squadra femminile con Corona, Ortu, Cioffo e Cuozzo riesce a chiudere in 2’47.7 mentre i maschi fanno 2’31.2 con Marongiu, Cossa, Iannuzzelli e Pisano. Ad accompagnarli nel podio Esperia seconda e Green Alghero terza nella femminile, SportEr seconda e Waterland terza nella maschile.

La domenica si apre con i 200 STILE LIBERO ancora una volta con Eva Desogus sul gradino più alto del podio in 2’51.4 davanti a Eleonora Sechi che chiude in 2’55.8 e Gloria Niedda della SportEr oltre i 3 minuti (3’03.0). Tra i maschi Mirko Rivano prende il terzo oro su tre gare individuali chiudendo le otto vasche in 2’40.1; dietro di lui Salvatore Ortu (Waterland) e Tommaso Delogu (Sport Full Time Sassari).

In una delle gare più complesse di questi Campionati una grande sorpresa: la campionessa dei 100 FARFALLA è del 2010! E’ infatti Sara Lai della Sporting Nuoto Libertas la vera protagonista, che riuesce a terminare la gara in 1’28.2 davanti a ossi duri come Federica Murtas (Waterland) e Matilde Mascia (Antares) rispettivamente seconda in 1’30.5 e terza in 1’32.9. Per il settore maschile vince Andrea Iannuzzelli in 1’21.2 di poco davanti a Francesco Mura e Gioele Vargiu della Waterland che siglano i tempi di 1’21.7 e 1’24.9.

Nei 200 MISTI è ancora Francesca Bandino a confermarsi la protagonista femminile di questi Campionati nuotando in questo caso tutti gli stili col tempo complessivo di 3’06.0. Pari merito sul secondo gradino del podio in casa Acquasport con Alyssa Cioffo e Ilaria Corona entrambe col tempo di 3’16.3. Anche il compagno di squadra di Francesca, Alessandro Cardia, riesce a primeggiare nei due misti stavolta per il settore maschile. Infatti il talento della Promogest riesce a toccare poco davanti a un ottimo Lorenzo Castellano che dimostra come sia in grado di nuotare bene non solo la rana ma anche tutto il resto. Primo posto per Cardia in 2’51.0, secondo Castellano 2’52.4, terzo posto per Andres Atzeni della SportEr col tempo di 3’01.2.

Nell’ultima parte di gare, con i ragazzi ormai allo stremo fisico e psicologico e tra le polemiche dei genitori che avrebbero voluto entrare negli spalti senza il Pass, spazio alle gare sui 100 metri.
A cominciare con i 100 STILE dove Rosa Olivia Merone (Accademia Sportiva Olbia) e Eva Desogus mettono in scena una bella sfida in prima batteria. La spunta la giovane della società olbiese in 1’16 netti contro il tempo di 1’16.6 della bambina tesserata Luna. Sul gradino basso del podio nuovamente Martina Frau dell’Antares in 1’23.2. Ancora un altro titolo per Alessandro Cardia che nel 100 stile piazza un 1’09.7 che non lascia spazio a interpretazioni. Secondo posto per Salvatore Ortu (1’14.8) e terzo posto per Andrea Masu della Accademia Sportiva Olbia (1’15.3).

Nei 100 RANA nuova sfida avvincente con Giulia Padovano impegnata a difendere il primato stagionale contro un’agguerrita Matilde Mascia pronta a portarglielo via. Sfida dalla quale esce vincitrice la portabandiere dell’Esperia chiudendo in 1’37.9, seconda la nuotatrice di Sinnai in 1’38.4. Terzo posto per la compagna di squadra di Matilde, Morgana Toselli, che chiude in 1’40.1. Quattro medaglie distribuite nel 100 Rana maschile; vince Lorenzo Castellano, re indiscusso della Rana, davanti a Matteo Cossa secondo in 1’33.4, e davanti a un ex aequo al terzo posto: Graziano Monni (SXT Nuoro) e Lorenzo Pinna (Antares) chiudono in 1’36.3.

Nell’ultima gara individuale, i 100 DORSO, spazio per un altro titolo per Francesca Bandino che chiude la gara in 1’25.7 davanti a delle ottime prestazioni di Eleonora Sechi (Green Alghero) e Maria Domenica Cossu (Luna) che terminano le proprie gare in 1’28.4 e 1’28.6. Terzo oro su tre gare anche per Mattia Squarzoni che finisce il suo 100 dorso in 1’23 netto davanti ad Andres Atzeni (SportEr) e Francesco Marongiu (Acquasport).

Ormai superate le 20.00 di sera iniziano le ultime staffette con la 4×50 STILE LIBERO: tra le femminucce è la formazione dell’Antares a prevalere con Mascia, Cambedda, Ligas e Frau che toccano in 2’28.7 davanti all’Esperia seconda e l’Aquasport terza. Tra i maschi non potevamo non trovare i terribili della Waterland con Zucca, Vargiu, Ortu e Mura che chiudono in 2’16.6 davanti a SportEr e ancora una volta Acquasport che prende il bronzo, raggiungendo i 4 podi su 4 staffette.

Tutti i risultati ufficiali sono consultabili cliccando qui.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...